Un prete che non si è mai seduto alla tavola dei ricchi

Il beato Giuseppe Baldo

Daniele Cottini

«Gesù Cristo con i miracoli ottenne l’ammirazione. Gesù Cristo crocifisso ottenne la conversione». Don Baldo non scelse la via comoda del successo, ma quella scomoda della Croce, a cui si aggrappò come a una zattera di salvezza per salvare la sua gente.
L’arco del ministero presbiterale (1865-1915) del beato don Giuseppe Baldo coincide quasi con il periodo inscritto tra la pubblicazione del Sillabo (1864) e quella della Pascendi (1907), due solenni condanne dello “spirito moderno”, e tutta la sua vita si svolge all’interno di quel vecchio mondo occidentale che lo storico Hobsbawm dichiara finito con la Prima guerra mondiale. Eppure la sua vicenda umana e spirituale è ancora capace di parlare all’uomo e al prete di oggi con una sorprendente attualità; probabilmente perché a ispirare la sua spiritualità e il suo ministero più di ogni altro furono la spiritualità di s. Francesco di Sales e la Rerum Novarum di Leone XIII.

Codice EAN: 978-88-6244-101-8

Formato / Format: 11 x 16,5

Argomento / Categoria: Storia della Chiesa Cattolica

Anno di pubblicazione / Year of pubblication: 2010

Pagine / Pages: 56

Collana: I preti che fecero l'impresa

Disponibile / Availability: Sì

Peso / Wheight: 0,09 Kg.

Prezzo / Price: 4,80 € 6,00 €

Quantità / Quantity:

Copyright MAXXmarketing Webdesigner GmbH