Vittorio Pica e Alberto Martini

Il trentennale sodalizio tra un critico ed un artista

Monica Cardarelli

Napoletano, ma mezzo inglese, innamorato della letteratura francese fin de siècle, Vittorio Pica (1862-1930) cercò per tutta la vita di aggiornare il gusto degli italiani alle ultime novità della grafica europea, nelle pagine della rivista «Emporium» e nelle sale della Biennale di Venezia di cui fu a lungo curatore. Al suo occhio raffinato non poté sfuggire il bizzarro talento di Alberto Martini (1876-1954), disegnatore originalissimo e inquietante, che il più anziano critico scoprì agli esordi e di cui guidò la carriera promuovendo in ogni modo la sua opera con paterna e disinteressata amicizia. Fu Pica ad educare la penna di Martini facendola esercitare a disegnare i versi di Baudelaire, Verlaine e Mallarmé.
Fu Pica, grazie ai suoi numerosi legami con la società cosmopolita degli esteti e dei bibliofili a presentare l’opera di Martini a Londra e altrove in Europa. Un sodalizio fondato sull’amore dell’arte eccezionale, elitaria, per i molti “happy few” che potevano apprezzarla. Un’amicizia a cui Martini in ultimo seppe rispondere con generosità, soccorrendo il critico napoletano negli ultimi anni di disgrazia, silurato dal nuovo regime che non poteva amare il gusto internazionale e l’estetica “aristocratica” di Vittorio Pica.

Codice EAN: 979-12-5975-075-4

Formato / Format: 14 x 21

Argomento / Categoria: Arte

Anno di pubblicazione / Year of pubblication: 2021

Pagine / Pages: 98

Collana: D'Arte

Disponibile / Availability: Sì

Prezzo / Price: 15,00 €

Quantità / Quantity:

Copyright MAXXmarketing Webdesigner GmbH